Concerti omaggio, veglioni e grandi star. L'edizione del ventennale di Umbria Jazz Winter prosegue nella sua offerta sull'onda dei dati molti positivi delle prevendite dei biglietti e delle prenotazioni alberghiere. Nel fitto programma non mancano le iniziative speciali come quella che si tiene oggi alle 15.30 a Spazio Umbria, il fortunato format promozionale allestito dalla Regio ne nell'ex chiesa di San Giacomo in piazza Duomo.
É qui che si tiene l'omaggio a Jimi Hendrix, a 70 anni dalle sua nascita. Il più grande chitarrista della storia del rock resta con dischi, libri, pubblicazioni, per l'interesse di un pubblico intergenerazionale a ogni latitudine. Nel corso dell'incontro al quale partecipano anche i musicisti dei Quintorigo (che a Uj Winter presentano il nuovissimo album “Quintorigo Experience” dedicato alle rivisitazione delle composizioni hendrixiane) si racconta del personaggio e dell'artista tuttora al centro del mercato della musica e della comunicazione, scomparso a Londra nel settembre 1970.
Con il supporto di immagini e filmati rari e inediti, ne parla Enzo Gentile, fan, critico musicale e storico del rock, che molto ha scritto in proposito, curando anche la prefazione e l'edizione italiana di “Jimi Hendrix - Mio fratello” (Skira), la toccante testimonianza di recente firmata da Leon Hendrix. Brilla Intanto la stella di Dee Dee Alexander, primadonna di Umbria Jazz Winter, con il gruppo in rosa “Evolution Ensemble”, di cui è leader e voce affiancata da violoncello, una chitarra acustica (in sostituzione del violino), contrabbasso e percussioni. A Umbria Jazz ha esordito tre anni fa, nell'edizione estiva, come parte di un progetto che presentava alcune delle formazioni più impegnate di Chicago, adesso a Orvieto è resident artist e suona una musica ben strutturata e avulsa dai luoghi comuni, perfettamente godibile. La sua voce si presta a interpretare tutte le diverse tendenze della diaspora Nera, dal soul al blues al funky ed al puro jazz.
Da applaudire stasera alle 21 al Mancinelli, domani alle 17, il primo a mezzogiorno. Attesa alle stelle per tutti gli appuntamenti classici del festival. A San Silvestro i cenoni delle 21 e i festeggiamenti con i Funk Off e Pedrito Martinez Group dalle 23, poi martedì primo gennaio l'evento di Gino Paoli e Danilo Rea in “De.. come noi” alle 16 alla Mancinelli, il Gospel e la Messa della Pace in Duomo e a serata conclusiva in collaborazione con Musica Jazz per il il “Top Jazz 2012”, che metterà sul palco i migliori musicisti italiani, vincitori del referendum indetto annualmente dalla più prestigiosa rivista jazz italiana.
La Nazione Lunedì 31 Dicembre 2012



0 commenti

Posta un commento

Cerca su Orvieto Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News sulla Provincia di Terni