Per la tappa finale di "Qualità Trasimeno", che prende il via oggi, a Città della Pieve, sono previste fino a domenica numerose iniziative rievocative del periodo rinascimentale. Ogni sera, a partire dalle 19, nella Taverna del Terziere Casalino, si potrà partecipare a un "Banchetto rinascimentale" con menù che prevedono piatti tipici dell'epoca, fedeli alle ricette originali (per informazioni e prenotazioni si può telefonare allo 0578/299375 o inviare un'e-mail a promopieve@cittadellapieve.org).
Questa sera, alle 22, in piazza Plebiscito, è in programma lo spettacolo "Maestri d'arte", un'esibizione della Compagnia di sbandieratori pievese "i Musici", mentre domani sono previste visite guidate al centro storico (lungo "Il percorso dell'arte", alle 16, e "Il percorso dei vicoli", alle 18; per le prenotazioni si può telefonare allo 0578/299375). Sempre domani, alle 17 si svolgerà (quale anticipazione del "Palio dei Terzieri") la gara degli arcieri "Esordienti alla gara del toro", che si sfideranno in piazza Plebiscito. Seguiranno, alle 21, al "Caffè degli artisti" in Largo della Vittoria, alcune letture da opere rinascimentali. Sia domani che domenica si potrà partecipare anche al "Percorso del paesaggio", una camminata alla scoperta dei punti più panoramici della città. In programma, anche visite alla "fattoria didattica" dell'azienda "Madonna delle Grazie" (dalle 9 alle 12; per le prenotazioni si può telefonare allo 0578/299375). Domenica, invece, alle 16, sempre in piazza Plebiscito, sono previsti "Giochi di bandiere" a cui parteciperanno, tra gli altri, oltre alla compagnia di Città della Pieve, gli sbandieratori di Assisi, Foligno, Amelia e Calvi dell'Umbria. Saranno organizzati inoltre laboratori enogastronomici (come quello per la lavorazione della pasta fatta a mano), degustazioni di prodotti tipici (in primo piano zafferano e vini, con la possibilità di visitare alcune cantine della zona e di vedere i cunicoli in cui avviene l'invecchiamento in barrique dei vini "Colli del Trasimeno" e del Gamay in purezza). Non mancherà infine la possibilità di assistere a lavorazioni artigianali, tra le quali quelle del rame, del ferro battuto, dell'oro e dei gioielli (con cenni sull'oreficeria etrusca; per informazioni e prenotazioni si può telefonare allo 0578/298691) e della ceramica raku.


0 commenti

Posta un commento

Cerca su Orvieto Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News sulla Provincia di Terni