Lupi a Castel Giorgio

Un killer silenzioso, che agisce nelle tenebre. Una scia di sangue è rimasta sui campi dell'Alfina: pecore morte sgozzate dai denti di un predatore antico, che ancora compare nelle notti d'estate.
Presenze scomode per chi deve subirne le azioni o benedizioni della natura per chi guarda alle paure dell'estinzione.
Come in un racconto dei nonni sulle colline castelgiorgesi rivive il mito del lupo, del predatore per eccellenza, che scende dalla montagna per aggredire i gregge di pecore.
Alcune settimane fa è realmente successo nelle campagne dell'Alfina, quando un allevatore di ovini si è trovato di fronte ad una dozzina di animali sgozzati.
Inizialmente si pensava alla presenza di alcuni cani randagi, ma è stato proprio il veterinario che ha certificato la morte degli animali ha evidenziare che si trattasse di un lupo.
Si parla di esemplari dal pelo scuro, che vivono nelle colline fra le zone di Allerona, Castel Viscardo, Torre Alfina, nell'area del Monte Rumeno e Selva di Meana.
La presenza dei lupi sarebbe certificata, ma è decisamente raro che si manifesti come è accaduto a Castel Giorgio.
Gabriele Anselmi
dal Corriere dell'Umbria Sabato 13 Settembre 2008



0 commenti

Posta un commento

Cerca su Orvieto Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News sulla Provincia di Terni